TRANS FREEDOM MARCH 2017 TORINO

 

imageimage

 

 

 

Comunicati Stampa

Stampa

Incontro con Mercedes Bresso del Coordinamento Torino Pride

Il Coordinamento Torino Pride ha incontrato la Presidente Mercedes Bresso per discutere delle prossime elezioni regionali e del programma elettorale.

SINTESI DELL’INCONTRO

L’incontro con Mercedes Bresso è partito dalla constatazione della mancanza di una legge nazionale che riconosca le unioni civile impedendo di fatto alle amministrazioni locali, in primis le Regioni di attuare delle politiche sulle proprie materie che ricomprendano anche le coppie unte civilmente. In primis le coppie formate da persone gay e lesbiche. Proprio su questo punto è stato chiesto, trovando ampia disponibilità , a Mercedes Bresso di spendersi in quanto politica di caratura nazionale con una importante e significativa storia di sostegno alle battaglie di accrescimento civile.

Ma l’aspetto più positivo, rispetto al problema dei diritti delle persone gay e lesbiche che non possono unirsi in matrimonio, è stata la disponibilità a ragionare in futuro rispetto alle “famiglie anagrafiche”. Ovvero a quelle unioni formate da persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozioni, tutela o da vincoli affettivi per le quali si potrebbe individuare una qualche forma di tutela come avvenuto recentemente, proprio dalla Regione nel caso della Legge sulla casa approvata qualche settimana fa.

Non abbiamo chiesto alla Presidente Bresso il riconoscimento delle coppie di fatto. Non è tra le competenze della Regione e quindi non abbiamo discusso. Abbiamo però voluto rappresentare, anche attraverso la presenza dell’Associazione “Famiglie Arcobaleno” questa realtà.

Infine gli impegni precisi di Mercedes Bresso per il prossimo quinquennio.

Anzitutto abbiamo dovuto esprimere la delusione della mancata approvazione nella scorsa legislatura della Legge contro le discriminazioni. Una delusione tanto più forte per la vicinanza che ha sempre dimostrato la Giunta Bresso al nostro movimento in occasione del Pride Nazionale del 2006 e anche più recentemente.

Ci ha confortato, però su questo punto, la presenza nel programma di Mercedes Bresso di un paragrafo destinato alle politiche antidiscriminatorie con precisi impegni.

Da ultimo l’impegno su ILGA 2011. Come molti sanno nel 2011 Torino sarà sede del Congresso annuale dell’ILGA Europe (l’Organizzazione europea dell’Associazioni lesbiche, gay, bisessuali e transgender) . Su questo evento il Coordinamento costruirà diverse iniziative nel corso dell’anno e la Presidente Bresso ha assicurato pieno sostegno all’iniziativa

P.s.: Il Coordinamento Torino Pride ha, ovviamente, chiesto un incontro anche al candidato del centrodestra Roberto Cota. Ma, purtroppo, a tutt’oggi non siamo ancora riusciti ad ottenerlo. Ci è stato garantito il massimo impegno da parte dello staff di Cota per trovare un momento libero. Speriamo che questo sforzo porti risultati.

DICHIARAZIONE DI DANIELE VIOTTI – COORDINATORE TORINO PRIDE

Abbiamo portato due richieste forti a Mercedes Bresso” – dichiara il Coordinatore Daniele Viotti – “in ambito amministrativo e in ambito politico perché è chiaro che la Presidente Bresso non è soltanto candidata alla rielezione per la Presidenza della Regione ma è anche una leader politico di livello nazionale.

Il vero dato negativo,” – prosegue Viotti – “è l’assenza totale di una legislazione nazionale che riconosca, come ormai succede in tutti i paesi europei, i diritti delle lesbiche, dei gay, dei bissessuali e delle persone transgender. Siamo soddisfatti di aver trovato su questa materia totale solidarietà della presidente e soprattutto garanzie di appoggio, nel suo ruolo di leader politico del PD, alle nostre battaglie

Per quanto riguarda gli impegni diretti della Regione su ILGA e lotta alle discriminazioni” – conclude il Coordinatore del Torino Pride – “non possiamo che definirci soddisfatti delle risposte date da Bresso. Ma ovviamente, in particolare dopo l’esperienza della mancata approvazione della Legge nella scorsa legislatura, saremo un pungolo continuo fino alla definitiva attuazione di politiche antidiscriminatorie.

lgbt torino